Escrezioni di azoto e fosforo nei bovini da latte

Solo una ridotta parte dell’azoto e del fosforo contenuti negli alimenti sono metabolizzati dai ruminanti. La maggior parte di essi ciene escreta con feci e urine. I due elementi sono fondamentali per tutti i processi metabolici dell’animale, ma sono preziosi anche per l’ambiente in generale: un suolo povero di azoto e fosforo è un suolo poco fertile e produttivo e lo stesso vale per le acque. Ma come sempre in natura, se un livello adeguato è fondamentale, un eccesso è dannoso. Tra i vari rischi connessi a concentrazioni troppo elevate di questi due elementi ci sono: il rischio di avvelenamento da nitrati delle acque potabili di falda; l’eutrofizzazione delle acque superficiali; il rilascio nell’aria e in atmosfera di ammoniaca con conseguenti piogge acide e polveri sottili, e di protossido di azoto con conseguente effetto serra e riscaldamento globale.

In questo articolo il professor Crovetto ci parla dell’escrezione di azoto e fosforo nei bovini da latte, con accenni alla normativa europea e nazionale, spiegando come effettuare la stima dell’escrezione dell’azoto e come valutare l’efficienza d’uso di questi due elementi.

Scarica qui il PDF