L’alimentazione delle manze quale strategia per diminuire l’escrezione azotata

Nell’allevamento dei bovini da latte è fondamentale minimizzare l’escrezione con le deiezioni di N e P; in particolare dell’escrezione urinaria per l’azoto e dell’escrezione fecale per il fosforo. Spesso una maggiore attenzione è dedicata all’alimentazione della bovina in lattazione dando meno importanza all’importante categoria della rimonta che incide anch’essa sulla sostenibilità ambientale dell’azienda zootecnica.

In questo articolo, la dottoressa Colombini ci illustra come un controllo più attento delle razioni somministrate alle manze consentirebbe di valutare meglio l’adeguatezza dei fabbisogni rispetto agli apporti anche alla luce degli incrementi ponderali e delle performances riproduttive, con dei vantaggi sulla sostenibilità economica ed ambientale dell’azienda.

Scarica qui il PDF